L'impianto di Buraccio (loc. Buraccio - Porto Azzurro) svolge attività di selezione meccanica, igienizzazione e produzione di C.D.R., biostabilizzazione della Fos e Forsu e stazione di stoccaggio di rifiuti da raccolta differenziata.

Ha una potenzialità massima di 30.000 t/anno di rifiuti solidi urbani.
Il processo dell’impianto consiste nella selezione meccanica del rifiuto urbano con produzione di C.D.R. (combustibile da rifiuto), biostabilizzazione della frazione organica, compostaggio della FORSU e centro di stoccaggio delle frazioni da raccolta differenziata.
L’impianto è inserito all’interno di una filiera di recupero prevista dalla pianificazione provinciale dei rifiuti urbani, pertanto le caratteristiche dei rifiuti ottenuti dal trattamento devono essere valutate in funzione alla sua destinazione alla termovalorizzazione presso l’impianto di bacino.

ATTIVITÀ SVOLTA
Presso l’impianto sito in loc. Buraccio sono svolte le seguenti attività:
1. lavorazione del rifiuto urbano indifferenziato ambito di attività di ripristino ambientale, copertura di fronte di discariche, ed altre applicazioni autorizzate. Tale attività viene effettuata mediante l'impiego di impianto di selezione meccanica con lavorazione della frazione secca al fine di produrre frazione combustibile recuperabile termicamente (produzione di CDR/CSS) e linea di trattamento della frazione sottovaglio mediante biostabilizzazione (FOS). Entrambe le linee di lavorazione sono dotate di separatori dei metalli al fine dello stoccaggio per il successivo invio ad impianto di recupero.
2. lavorazione della frazione organica ottenuta da raccolta differenziata (FORSU) al fine di produrre compost di qualità. Il processo di articola sulla biostabilizzazione aerobica del rifiuto in celle dedicate al fine di ottenere un prodotto riutilizzabile negli specifici campi di applicazione
3. attività di stoccaggio dei rifiuti ottenuti da raccolta differenziata sull'Isola d'Elba e annessa Stazione di raccolta intercomunale.

Le attività sopra descritte sono autorizzate dalla Provincia di Livorno con A.I.A. Atto Dirigenziale n. 116 del 13/07/2011 e ricondotte alle operazioni di:

1) Trattamento dei rifiuti urbani indifferenziati prodotti dal territorio dell’Isola d’Elba
L’attività di trattamento costituita da selezione meccanica con deferrizzazione, finalizzata alla valorizzazione della frazione secca del rifiuto indifferenziato, da avviare ad impianti terzi di recupero termico autorizzati con operazione “R1 utilizzazione principale come combustibile o altro mezzo per produrre energia”. In questo caso la frazione secca prodotta deve rispettare i seguenti parametri in funzione dell’autorizzazione dell’impianto di destinazione:
- produzione di CDR
- produzione  di CSS
La frazione secca termovalorizzabile prodotta è avviata agli impianti di termovalorizzazione (R1), in balle filmate per rendere più facile e sicuro il trasporto in mare.
La frazione secca combustibile prodotta, per ottimizzare l’attività di conferimento ad impianti di recupero, è depositata presso un’area individuata dal gestore per una quantità di 160 balle di frazione combustibile.
I materiali ferrosi vengono raccolti in cassoni ed anch’essi avviati a successivo impianto di recupero (R4).

2) Recupero della frazione ottenuta da raccolta differenziata
L’attività è svolta presso il capannone dedicato per la biostabilizzazione e viene effettuata mediante la tecnica di cumuli statici fermentati aerobicamente mediante l’impiego di dedicate membrane. Il capannone è strutturato in corsie dedicate alla biostabilizzazione.
Il compost di qualità ottenuto rispetta le condizioni di cui all’all.2 del D.Lgs. n.75 del 29/04/2010.

3) Stoccaggio
Il centro di stoccaggio è finalizzato al raggruppamento per flussi omogenei delle frazioni della raccolta differenziata per l’invio ad appropriati impianti di recupero.

 

VIDEOSERVIZI

Sulle principali attività di trattamento dei rifiuti presso l'impianto di Buraccio sono stati realizzati nel 2014 alcuni videoservizi con una spiegazione semplice ed efficace.
Qui di seguito sono riportati i videoservizi inerenti l'impianto di Buraccio.

Per consultare tutti i videoservizi:

5 utility impianto indifferenziato

La quinta puntata, in onda su Tele Elba da venerdì 1 agosto 2014, è dedicata all'IMPIANTO T.M.B. (trattamento meccanico biologico) di BURACCIO - ciclo trattamento RIFIUTI INDIFFERENZIATI

6 utility impianto organico

La sesta puntata, in onda su Tele Elba da venerdì 15 agosto 2014, è dedicata all'IMPIANTO T.M.B. (trattamento meccanico biologico) di BURACCIO - ciclo trattamento RIFIUTI ORGANICI

7 utility impianto carta-multimateriale

La settima puntata, in onda su Tele Elba da venerdì 22 agosto 2014, è dedicata all'IMPIANTO T.M.B. (trattamento meccanico biologico) di BURACCIO - trattamento rifiuti di CARTA E CARTONE e MULTIMATERIALE

8 utility impianto biofiltri

L'ottava puntata, in onda su Tele Elba da venerdì 12 settembre 2014, è dedicata all'IMPIANTO T.M.B. (trattamento meccanico biologico) di BURACCIO - sistema di trattamento delle arie - conferimenti impropri - rifiuti ingombranti

In evidenza