"Pensa differente" è il claim della nuova campagna di comunicazione ambientale che ESA SpA ha lanciato con una conferenza stampa il 14 settembre 2015, studiata per dare una spinta alla raccolta differenziata dei rifiuti sull'Isola d'Elba.

pensa differente icone centrale

 

Cosa significa pensare differente?

Il primo significato che evoca è differenziare, fare la raccolta differenziata.
Per l'Elba differenziare non è una vera e propria novità.

Questa iniziativa vuol rappresentare un punto di arrivo del lavoro fatto fino ad ora, una finalizzazione delle attività pianificate e, al tempo stesso, di partenza, o meglio di ripartenza, per tarare nuovamente l'intero sistema verso obiettivi più ambiziosi, oggi effettivamente conseguibili.

Il movimento evolutivo del differenziare è quello di riciclare.
Questo concetto, nel territorio elbano, porta con sè una serie di condizioni:

  1. Aumentare la quantità delle raccolte differenziate;
  2. Migliorare la loro qualità;
  3. Riorganizzare i servizi di raccolta;
  4. Coinvolgere tutti gli attori, locali e visitatori;
  5. Superare le "barriere comunali" in maniera da diffondere le buone pratiche di conferimento e raccolta;
  6. Intervenire sull'assetto impiantistico in modo da spostare il processo produttivo verso le lavorazioni delle frazioni di rifiuto a più alto valore aggiunto;
  7. Migliorare i risultati ambientali e quelli economici.

Altro aspetto essenziale del pensare differente è quello di risvegliare un senso etico e morale, estetico e ambientale generalizzato (amore e rispetto per il proprio territorio).

Pensare differente dignifica pensare tutti insieme per l'ambiente elbano, in un'accezione "presuntuosa" del progetto: Pensare Isola d'Elba! Oggi sul sistema dei rifiuti si può!

MATERIALE DI COMUNICAZIONE

La campagna di comunicazione prevede l'utilizzo di:

 

In evidenza